Viaggiare nell'esperienza vissuta

VIAGGIARE NELL'ESPERIENZA VISSUTA


DIPARTIMENTO LINGUISTICO


PREMESSA
Il bambino della scuola dell'infanzia ha un'interazione attiva con la lingua scritta, infatti elabora ipotesi, costruisce regole, tenta spiegazioni.
Per assecondare questo processo spontaneo la scuola deve offrire spazi di apprendimento strutturati ed intenzionalmente predisposti, secondo due linee metodologiche:
 costruire un contesto stimolante, sia nei materiali, sia nei contenuti che al suo interno si producono
 favorire l'interazione fra i pari come modalità di apprendimento efficace e significativo.

DESTINATARI
Alunni dell'ultimo anno della scuola dell'infanzia.

TEMPI
Da Gennaio a Maggio con una cadenza bisettimanale.

METODOLOGIA
In una scuola, in cui si ritiene che più importanti delle mete siano i percorsi per raggiungerle, è indispensabile fare riferimento alle metodologie che si elaborano e si adattano per favorire la individualizzazione - personalizzazione dell'insegnamento-apprendimento perché ciascun bambino possa raggiungere i traguardi delle competenze seguendo i propri interessi - bisogni, utilizzando le proprie capacità, lavorando secondo ritmi e modi che gli sono propri.
Si prediligerà la didattica laboratoriale : piccoli gruppi in intersezione, lavoro di gruppo e di intersezione.
Le insegnanti diventano guide, facilitatori di conoscenze, animatori delle attività espressive, linguistiche e teatrali.

OBIETTIVI
 Migliorare le competenze fonologiche e lessicali
 Ascoltare e comprendere storie, racconti e narrazioni
 Esprimere emozioni e stati d'animo
 Raccontare, interpretare, inventare storie
 Memorizzare e recitare filastrocche di varia difficoltà
 Giocare con le parole, inventare rime e assonanze

ATTIVITA'
 Letture animate in librerie della nostra città
 Produzione di libricini
 Leggere immagini
 Allestimento di una biblioteca scolastica
 Realizzazione di carte in rima
 Invenzione di rime
 Lettura ad alta voce dell'insegnante
 Individuare personaggi delle fiabe e racconti
 Rappresentare graficamente e in sequenze una storia
 Scrittura spontanea
 Giocare con le parole ( lunghe-corte, maschile-femminile, contrapposte, singolare-plurale, incatenate, calde-fredde.....)

PRODOTTO FINALE
Mostra di libricini realizzati dai bambini.
Filastrocche illustrate.
Illustrazione (su cartellone) di una storia in sequenza.

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to Twitter