Interpreto i segni del tempo

 

PROGETTO


“ INTERPRETO I SEGNI DEL TEMPO”
classi terze, quarte, quinte

 

MOTIVAZIONE
La motivazione del progetto nasce dall'idea di suscitare nell'alunno la curiosità di ricostruire fenomeni storici vicini e lontani, attraverso l'approccio diretto alle fonti presenti nel territorio di appartenenza.
Le scoperte archeologiche effettuate nella nostra città e nei territori vicini offrono l'opportunità di intraprendere un viaggio a ritroso nel tempo alla scoperta di cambiamenti e trasformazioni.

FINALITA' FORMATIVE
Avvicinare il mondo della scuola a quello dell'archeologia in maniera diretta e concreta.

OBIETTIVI
-  Promuovere la tutela e la valorizzazione del patrimonio artistico e storico del territorio.
- Comprendere i rapporti tra storia locale e storia generale, tra microstoria e macrostoria.
- Favorire l'interesse per la ricostruzione storica attraverso l'educazione archeologica.
- Acquisire con maggiore sicurezza il metodo storiografico.

CONOSCENZE
- Cogliere la stratificazione dei segni storici nel proprio ambiente attraverso la ricerca di tracce e fonti documentarie.
- “Leggere” i significanti (segni) come portatori di significati (interpretazioni).
- Sensibilizzare al “ Bene Culturale” come patrimonio della collettività.
- Educare al gusto artistico.

ABILITA'
- Ricercare ed estrapolare informazioni da vari tipi di fonti: articoli, testi, immagini, foto, video, reperti.
- Analizzare le fonti documentarie selezionate.
- Riprodurre graficamente o concretamente tecniche decorative e/o di costruzione.
- Riconoscere nel territorio abruzzese le tracce della protostoria e, nella nostra città, le tracce dell'antica Histonium.

ITINERARIO OPERATIVO
- Problematizzazione.
- Ricerca sul territorio attraverso escursioni, visite guidate nei luoghi di interesse archeologico, raccolta dei dati, sintesi e tabulazione.
- Sistemazione del lavoro di ricerca.
- Produzione di lavori di sintesi.

METODOLOGIA
Metodo della ricerca storiografica attraverso attività di tipo laboratoriale ed interdisciplinare con il coinvolgimento diretto degli alunni. Le attività verranno svolte attraverso lavoro personale e lavoro a piccoli e grandi gruppi, per sviluppare atteggiamenti collaborativi tra gli alunni.
A conclusione del progetto saranno organizzate semplici attività artistiche per riprodurre usi, costumi e tradizioni del periodo storico preso in esame.

 

PERCORSI DIDATTICI

marzo/aprile 2015:

classi terze: incontro in classe con il prof. Giacci, esperto in archeologia preistorica.

Analisi dei reperti archeologici portati dall’esperto PER Ricavare informazioni, formulare ipotesi interpretative e comprendere che anche nel nostro territorio esistono tracce della preistoria.

Maggio 2015:

classi terze: viaggio d’istruzione (spesa a carico delle famiglie) visita guidata e laboratorio didattico al Museo Archeologico Nazionale d’Abruzzo “La Civitella”

classi quarte: viaggio d’istruzione (spesa a carico delle famiglie) visita guidata e laboratorio didattico al Museo Archeologico Nazionale d’Abruzzo “Villa Frigerj” classi quinte: uscita didattica a Vasto visita guidata nei luoghi di interesse archeologico nell'ambito del Comune

classi quinte: viaggio d'istruzione (spesa a carico delle famiglie) visita guidata al sito archeologico di Pompei PER ricostruire:

-  l'identità di appartenenza al proprio territorio

-  il quadro della civiltà romana VERIFICA E VALUTAZIONE

Verifica e valutazione attraverso

-  Verbalizzazioni orali e scritte

-  Osservazioni sistematiche

-  Autovalutazione dell'alunno

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to Twitter